Pensieri

UNA NONNA TORNA BAMBINA …

Una tenera creatura che non sa più parlare, non sa più mangiare

e non sa più camminare.

Ha grandi occhi grigi che guardano nel vuoto, a volte pieni di

gioia, a volte di disperazione.

Ha un mondo tutto suo, un mondo speciale, senza tempo, senza

spazio, senza luogo.

Ti guarda negli occhi dalla sua poltrona ed è come se volesse

raccontarti una vita che non ricorda più.

Non sa di avere figli, non sa di avere amato un uomo, non si è

accorta che adesso lui non c’è più.

E’ così diversa adesso, non conosce il tuo nome, non sa chi sei,

ma è sempre gentile.

Quando riesce a parlare, si rivolge a te dandoti del lei ..

non ricorda più le carezze rassicuranti che ti faceva, quando eri

avvolta fra le sue braccia.

Adesso sei tu ad accudirla, che le dai da mangiare e la rassicuri

che la sua mamma è uscita, ma che tornerà presto 

La nonna non si vergogna più, e non arrosisce più come un tempo

Adesso si spegne giorno dopo giorno, come una candela sotto

una campana di vetro.

Il suo sguardo è sempre più assente, le sue mani tremano sempre

di più …

Tu non puoi fare altro che assistere a questo doloroso calvario.

Resti impotente di fronte a una realtà così crudele, che ti sta

privando della persona, che più di ogni altra, ti ha insegnato i

primi passi della tua vita …

 

Stare vicino ad un anziano ammalato comporta sopportare un

dolore sordo, un dolore che però puoi attutire, occupandoti della

persona con tutto l’amore che merita …

NON ABBANDONIAMOLO MAI

pubblicato in: senza categoria da: liberofb

3 pensieri riguardo “UNA NONNA TORNA BAMBINA …

    1. Non vorrei che nessuno fosse abbandonato in quei momenti che più han bisogno, una mano che ti tiene in quei momenti, specialmente gli ultimi che tutti avremo, quello che più mi dispiace che la sento quasi una colpa è stato lasciare mia mamma mezzora prima che partisse per rinascere , lei mi avrebbe tenuto per mano .. questo è quello che mi fa più male ma mi fecero uscire ma dovevo impormi come faccio sempre in ogni cosa, mi feci baciare come riusciva e dovetti lasciarla, Silvia questo non me lo perdonerò mai anche se guardandola nella sua foto che tengo sul comodino lei mi sorride sempre, so che non vuol vedermi piangere e io a volte mi volto e nascondo il viso, quasi per non farglielo vedere, lei deve sapere e lo sa, che la sua bimba non è messa alla disperazione come a volte sembro Notte Silviotta …

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...