Senza categoria

che quando me li raccontavi, i sogni

 

 

L'immagine può contenere: una o più persone e persone sedute

Nazim_Hikmet_e_altri

che quando me li raccontavi, i sogni

era come star seduto in un cinema all’aperto,

nella notte d’estate

con la brezza che ti carezza la barba

o forse eri tu

le tue mani

e le immagini in bianco e nero

che scorrono silenziose

e quando speravo di esserci io

in quelle storie

e quella volta

– un piccolo miracolo, signori-

accadeva.

da Ogni volta che mi baci muore un nazista

 

Guido Catalano

Drive-in theater, Los Angeles 1949

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...